Accidia (II-II, 35)

L’accidia

Articolo 1

Se l’accidia sia un peccato

L’accidia è un peccato.

Articolo 2

Se l’accidia sia un vizio specifico

La tristezza con cui uno si addolora del bene spirituale relativo agli atti delle singole virtù non appartiene a un vizio specifico, ma a tutti i vizi. Il rattristarsi invece del bene divino, di cui gode la carità, appartiene a un vizio specifico, che è denominato accidia.

Articolo 3

Se l’accidia sia un peccato mortale

Per il suo genere l’accidia è un peccato mortale […]. Talora però il moto dell’accidia si limita alla sensualità, e allora è un peccato veniale. Talora invece giunge fino alla ragione […]. E allora è chiaro che l’accidia è un peccato mortale.

Articolo 4

Se l’accidia sia un vizio capitale

È giusto considerare l’accidia un vizio capitale.