Amore, negli angeli (I, 60)

L’amore o dilezione degli angeli

Articolo 1

Se nell’angelo vi sia l’amore o dilezione naturale

È necessario ammettere nella volontà angelica una dilezione naturale.

Articolo 2

Se vi sia negli angeli una dilezione deliberata

Esistono negli angeli una dilezione naturale e una dilezione deliberata, e la dilezione naturale è per gli angeli principio di quella deliberata.

Articolo 3

Se l’angelo ami se stesso con dilezione naturale e con dilezione deliberata

Tanto l’angelo quanto l’uomo desiderano naturalmente il proprio bene e la propria perfezione. E ciò significa amare se stessi. Quindi l’angelo, come l’uomo, ama se stesso di amore naturale in quanto per appetito naturale desidera un bene a se stesso. In quanto invece desidera a se medesimo un bene mediante una deliberazione, ama se stesso con dilezione deliberata.

Articolo 4

Se un angelo ami l’altro con dilezione naturale come ama se stesso

Un angelo ama l’altro con dilezione naturale in quanto quest’ultimo ha la sua stessa natura. Non lo ama invece con dilezione naturale in quanto per altre cose si accorda con lui, o con lui è in disaccordo.

Articolo 5

Se un angelo con dilezione naturale ami Dio più di se stesso

Anche naturalmente l’angelo e l’uomo amano Dio prima e più di se stessi.