Angeli, mezzo di conoscenza (I, 55)

Il mezzo della conoscenza angelica

Articolo 1

Se gli angeli conoscano ogni cosa mediante la propria sostanza

Soltanto Dio conosce tutte le cose mediante la propria essenza, o sostanza. L’angelo invece non può conoscere le cose mediante la propria essenza, ma è necessario che il suo intelletto, per intendere le cose, sia completato da un certo numero di specie.

Articolo 2

Se gli angeli conoscano mediante specie derivate dalle cose

Le specie mediante cui gli angeli conoscono non derivano dalle cose, ma sono ad essi connaturali.

Articolo 3

Se gli angeli superiori conoscano mediante specie più universali
rispetto agli angeli inferiori

Quanto più un angelo è superiore, tanto meno numerose saranno le specie di cui deve servirsi per conoscere tutti gli oggetti intelligibili.