Astri, influsso degli (I, 115, 3-6; II-II, 95, 5)

L’attività delle creature materiali

Articolo 3

Se i corpi celesti siano causa di quanto compiono quaggiù i corpi inferiori

I moti dei corpi inferiori, che sono vari e molteplici, si riconducono come alla loro causa al moto dei corpi celesti.

Articolo 4

Se i corpi celesti siano causa degli atti umani

È impossibile che i corpi celesti siano causa degli atti umani.

Articolo 5

Se i corpi celesti possano influire anche sui demoni

I demoni, [essendo sostanze spirituali], non subiscono in alcun modo l’influsso dei corpi celesti, né di per sé né accidentalmente, né direttamente né indirettamente.

Articolo 6

Se i corpi celesti rendano necessarie le cose sottoposte al loro influsso

Non tutti gli effetti dei corpi celesti provengono per necessità.

 

La superstizione divinatoria

Articolo 5

Se la divinazione fondata sull’astrologia sia illecita

Se uno si serve dell’osservazione degli astri per prevedere il futuro casuale o fortuito, o anche per predire con certezza gli avvenimenti umani, ciò è dovuto a un’opinione falsa e menzognera. E allora interviene l’opera del demonio. Perciò tale divinazione è superstiziosa e illecita. – Se invece uno si serve dell’osservazione degli astri per prevedere fenomeni che sono causati dai corpi celesti, quali la siccità, la pioggia e simili, allora la sua divinazione non  né illecita né superstiziosa.