Confessione, essenza (Spl 7)

La natura della confessione

Articolo 1

Se Sant’Agostino abbia ben definito la confessione come
«l’atto con cui si svelano i difetti nascosti con la speranza del perdono»

La definizione è buona.

Articolo 2

Se la confessione sia un atto di virtù

La confessione è un atto buono nel suo genere, ed è un atto di virtù. Tuttavia può essere fatta male, se non è rivestita di tutte le altre debite circostanze.

Articolo 3

Se la confessione sia un atto della virtù della penitenza

Essa promana dalla virtù della penitenza. Tuttavia può venire comandata da molte virtù, e quindi appartenere indirettamente ad esse.