Confessione, sigillo (Spl 11)

Il sigillo della confessione

Articolo 1

Se il sacerdote sia tenuto in tutti i casi a celare i peccati conosciuti
sotto il sigillo della confessione

È necessario che la confessione rimanga segreta.

Articolo 2

Se il sigillo della confessione
abbracci anche altre notizie che non sono materia di confessione

Il sigillo della confessione non abbraccia direttamente se non quanto è materia della confessione sacramentale. Però indirettamente esso può abbracciare anche ciò che non è materia di tale confessione, quando si tratta di cose che potrebbero rivelare o il peccato o il peccatore.

Articolo 3

Se soltanto il sacerdote sia vincolato dal sigillo della confessione

Anche chi non è sacerdote […] può divenire partecipe del sigillo della confessione, ed essere tenuto al segreto.

Articolo 4

Se col permesso del penitente il sacerdote
possa rivelare ad altri i peccati che conosce sotto segreto di confessione

Il penitente può far si che quanto il sacerdote sapeva come Dio lo sappia anche come uomo: e lo fa appunto dandogli il permesso di parlare. Perciò se questi parla non infrange il sigillo della confessione. È tenuto però a evitare lo scandalo.

Articolo 5

Se il confessore possa rivelare ad altri
ciò che ha conosciuto in confessione e anche in altro modo

Quanto il confessore conosce per altra via, sia prima che dopo la confessione, non è tenuto a celarlo col segreto quanto alla conoscenza che ne ha come uomo […]. Tuttavia, per evitare lo scandalo, deve astenersi dal parlare se non c’è urgente necessità.