EUCARESTIA, sacramento (4, 61)

(IV, 61) L’Eucaristia

Era necessario un alimento della vita spirituale mediante il quale i rigenerati possano conservarsi e crescere nella virtù […]. Esso ci viene dato sotto le apparenze di quelle cose di cui gli uomini più comunemente si servono come alimenti corporali, cioè del pane e del vino. In questo alimento spirituale che è l’Eucaristia il Verbo incarnato è contenuto non solo nella sua virtù, ma anche nella sua sostanza. E poiché la nostra salvezza fu compiuta mediante la passione e la morte di Cristo, in cui il sangue fu separato dal corpo, il sacramento del suo corpo ci viene dato separatamente sotto le specie del pane, e quello del sangue sotto le specie del vino, in modo che si abbia in questo sacramento il ricordo e la rappresentazione della passione del Signore. Si adempiono così le sue parole: «La mia carne è veramente cibo, e il mio sangue è veramente bevanda».