Trinità, persone e atti nozionali (I, 41)

Le persone in rapporto agli atti nozionali

Articolo 1

Se alle persone vadano attribuiti degli atti nozionali

Per indicare in Dio le relazioni di origine fu necessario attribuire alle persone degli atti nozionali.

Articolo 2

Se gli atti nozionali siano volontari

La risposta è affermativa se la volontarietà indica una concomitanza, è invece negativa se indica la causa, come quando si dice che il Padre ha prodotto le creature volontariamente. Dobbiamo dunque dire che il Padre ha generato il Figlio per natura.

Articolo 3

Se gli atti nozionali producano dal nulla

Il Figlio non è tratto dal nulla, ma dalla sostanza del Padre.

Articolo 4

Se in Dio si trovi una potenza relativa agli atti nozionali

Come si pongono in Dio gli atti nozionali, così si deve porre in lui una potenza che li riguardi.

Articolo 5

Se la potenza generativa stia a indicare una relazione o l’essenza divina

La potenza generativa indica direttamente la natura divina e indirettamente la relazione.

Articolo 6

Se gli atti nozionali possano dare origine a più persone

In Dio c’è un solo Padre, un solo Figlio, un solo Spirito Santo.